Tag selezionato

#pena di morte

Storie

BANGLADESH - Preghiera per l’abolizione della pena di morte

In Bangladesh, negli ultimi 6 mesi, 162 persone sono state condannate a morte nei tribunali di tutto il paese. La disposizione della pena di morte è in vigore nel Codice penale del Bangladesh per 33 reati. Nel 2020 il governo ha approvato la pena di morte anche come pena massima per il reato di stupro. Secondo Amnesty International, il numero di esecuzioni capitali in Bangladesh è aumentato del 60% nel 2021 rispetto all’anno precedente.

Leggi tutto

Storie

Guinea Equatoriale: stop alla pena di morte

Il Paese dell’Africa centrale non esegue una pena capitale da otto anni, ma molte organizzazioni internazionali denunciano abusi da parte del governo del presidente Teodoro Obiang Nguema Mbasogo

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: abolire la pena di morte nel mondo.

Nel video con le intenzioni di preghiera per il mese di settembre, Francesco ribadisce l’inammissibilità della pena capitale, abolita in 170 Stati ma ancora applicata in 55 Paesi di tutti i continenti

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa giapponese e la pena di morte

Di fronte all’esecuzione del detenuto Tomohiro Kato - avvenuta nelle stesse ore di quelle dei dissidenti birmani - la Comissione Giustizia e Pace dell’episcopato giapponese ha ammonito: “La violenza della pena di morte non può mai costruire una società pacifica. È una barbarie che va contro i tempi e crea nuova violenza”.

Leggi tutto

Storie

Myanmar: eseguite 4 condanne a morte

Ora si teme per la vita di altri 100 dissidenti presenti nel braccio della morte.

Leggi tutto

Società

KAZAKHSTAN - Abolita la pena di morte

Papa Francesco si è più volte espresso per l’abolizione della pena di morte, ritenuta “contraria al Vangelo”

Leggi tutto

Chiesa

Rawalpindi: cristiano accusato di blasfemia condannato a morte

A Zafar Bhatti, in carcere dal 2012 nonostante si proclami innocente, un giudice ha trasformato in una sentenza capitale la pena del carcere a vita precedentemente comminata.

Leggi tutto

Politica

Pakistan: no alla castrazione chimica

La castrazione chimica per gli uomini condannati più volte per stupro, approvata dal Parlamento del Pakistan, è stata tempestivamente ritirata dopo pochissime ore a causa delle obiezioni del Consiglio per l’ideologia islamica (Cii).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano